I limiti acustici in città

I limiti acustici in città

ingsantilli No Comment
Acustica

Anche il tuo Comune ha un regolamento acustico? Probabilmente si, ed in esso sono regolamentate le sorgenti di rumore all’interno del territorio ed i limiti di rumore che devono rispettare sia verso l’ambiente che verso i vicini potenzialmente disturbati.

La zonizzazione acustica

Il territorio comunale è suddiviso in diverse aree appartenenti alle cd. Classi Acustiche che sono 6:

  • Classe acustica I – Aree particolarmente protette
  • Classe acustica II – Aree prevalentemente residenziali
  • Classe acustica III – Aree di tipo misto
  • Classe acustica IV – Aree di intensa attività umana
  • Classe acustica V – Aree prevalentemente industriali
  • Classe acustica VI – Aree esclusivamente industriali

Esempio di zonizzazione acustica comunale

Ad ogni classe corrispondono dei limiti:

  • Emissione (rumore che dalla sorgente si propaga verso l’ambiente esterno)
  • Immissione (rumore che impatta sul Ricettore più vicino)
  • Differenziale (detto anche Criterio dell’accettabilità, che è la differenza tra il rumore immesso ed il rumore presso il ricettore con la sorgente disattivata).

I limiti variano a seconda del periodo di riferimento: diurno (6-22) notturno (22-6) da considerare a seconda del periodo di funzionamento della sorgente.

I limiti acustici sono i seguenti:

Campo di applicazione del regolamento acustico comunale

Il regolamento acustico comunale regolamenta le sorgenti di rumore quali attività economiche, industriali, artigianali, commerciali, manifestazioni o eventi di pubblico spettacolo, siano essi di carattere temporaneo o permanente. Può dare indicazioni su allarmi acustici oppure sugli orari in cui è possibile eseguire la cura dei giardini con attrezzature rumorose.

La deroga acustica

Laddove per necessità sia necessario superare i limiti di zona, è possibile richiedere al Comune un deroga (motivata) per un periodo di tempo stabilito e nel rispetto dei limiti proposti dal richiedente. Basti pensare ad un cantiere edile, un cantiere stradale, un concerto in piazza, una manifestazione vicino a delle abitazioni: in questi casi è impossibile rientrare nei limiti acustici di zona e pertanto sarà necessario chiedere all’Ufficio Ambiente del Comune una deroga su apposita modulistica a firma di Tecnico Compatente in Acustica Ambientale.

 

Commenta

Contatti

Ing. Marco Santilli

Tel 347.8710468

eMail marco[at]ingsantilli.com

Tecnico Competente in Acustica Ambientale iscritto all’Albo della Regione Toscana

Iscritto all’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Firenze